MG Finanza Sostenibile


Vai ai contenuti

Rinnovabili Cina

News

Gli investimenti cinesi nelle fonti rinnovabili: un'opportunità.

Primo importatore mondiale di petrolio, primo emittente globale di CO2. Ma anche primo investitore del Pianeta nel comparto delle risorse rinnovabili. È la Cina odierna, fotografata dal più recente rapporto dell’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA, maggio 2015). Un Paese tuttora ampiamente dipendente dalle fonti fossili, certifica la relazione, ma decisamente proiettato, al tempo stesso, verso le risorse “verdi”. Nel corso del 2014, dicono le cifre dell’ultimo rapporto congiunto (marzo 2015) della Frankfurt School of Finance & Management, del Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP) e di Bloomberg Energy Finance (BEF), la Cina ha investito nel comparto rinnovabili 83,3 miliardi di dollari, il 33% in più rispetto all’anno precedente, nonché il 2677% in più rispetto al 2004, che garantiscono a Pechino la leadership mondiale davanti agli Stati Uniti, secondi con 38,3 miliardi mobilitati lo scorso anno. Gli investimenti cinesi, dicono le cifre del rapporto Frank furt School/UNEP/BEF, coprivano nel 2014 il 31% circa del totale mondiale (270,2 miliardi) contro il 6,7 (3 miliardi su un totale globale di 45,1) registrato nel 2004




Un fondo di investimento per cogliere le opportunità offerte dalle sfide che la Cina sta affrontando in campo ambientale. A proporlo è East Capital, società specializzata nei mercati emergenti e di frontiera, che ha annunciato il cambio di strategia del suo fondo East Capital China, attivo già dal 2007.

Il fondo, ribattezzato
East Capital China Environmental, d’ora in poi investirà principalmente in emittenti i cui prodotti, servizi, tecnologie e infrastrutture portino soluzioni sostenibili di sviluppo rispetto alle sfide ambientali in Cina. L'universo d'investimento, che consiste in titoli azionari cinesi onshore (A-shares) e offshore, comprende settori come quelli dell'energia pulita, dell’efficienza energetica, dei trasporti puliti, dell’acqua e dell’aria pulita, dei beni ambientali e dell'agricoltura sostenibile. Il fondo è autorizzato alla distribuzione in Italia.

“La lotta contro l'inquinamento è un trend fondamentale e strutturale in Cina ed è diventata anche una priorità del governo”, sottolinea Karine Hirn, partner di East Capital. “Questo implica un forte sostegno politico e grandi investimenti, nonché una più rigorosa applicazione delle normative per le società non “environmental friendly”. La Cina è il maggior mercato al mondo per le tecnologie pulite e l'universo d'investimento dei titoli del settore ambientale consiste di società innovative dalla rapida crescita e spesso futuri leader mondiali”.


Torna ai contenuti | Torna al menu